RIFIUTI E RACCOLTA DIFFERENZIATA – TEMPO SCADUTO PER I COMUNI SICILIANI.

Riciclia_macchina 1 (2)

Tempo scaduto per le deroghe concesse dal Governo centrale ai Comuni della Regione Siciliana in ambito gestione rifiuti.

Il 7 giugno 2016, il Governatore Rosario Crocetta ha firmato una nuova ordinanza (su specifica richiesta del Governo Nazionale) per dare un’impostazione più strutturata alla gestione dei prossimi sei mesi, vale a dire fino al 30 novembre.

“Il diktat più imperioso – afferma Crocetta illustrando ieri l’ordinanza – lo detterò io nei confronti dei comuni che non si allineano sulla differenziata: o si allineano, o prenderò provvedimenti”.

L’ordinanza in oggetto (scaricabile integralmente dal link di cui sotto), che verrà comunicata già in queste ore ai Sindaci, Assessori all’ambiente e dirigenti del settore, pone prioritaria importanza riguardo l’abbattimento della produzione di rifiuti accompagnato da un aumento del +3% della raccolta differenziata entro il 30 agosto 2016 ed un ulteriore +3% entro il 30 novembre 2016 pena il commissariamento degli stessi in ambito ambientale.

La maggiorparte dei Comuni siciliani hanno raggiunto aumenti di 6 punti percentuali in circa 10 anni, l’ordinanza chiede di dimostrarlo con azioni concrete (non sulla carta) entro 6 mesi a partire dal 7 giugno.

Viene dettato nell’ordinanza un bisogno (art. 3 e 4 pag. 30-34), derivante dalla situazione di emergenza delle discariche siciliane, di andare oltre ai clientelismi tipici della gestione di questo settore attraverso il coinvolgimento di tutti “i soggetti potenzialmente attivabili sul territorio” compresi i soggetti del terzo settore (associazioni, cooperative, enti benefici, etc).

Il progetto proposto da noi di Ecosimara in collaborazione con Riciclia Srl riguarda l’ormai rodato sistema degli ecocompattatori incentivanti, in grado a costo zero per le amministrazioni aderenti, come dimostrabile nei Comuni dove già attivi, un incremento della percentuale di raccolta differenziata nel giro di qualche mese.

I Comuni siciliani, Sindaci, Assessori e cittadini, questa volta dovranno davvero intraprendere una strada verso la modernizzazione del proprio ciclo, ma è un percorso inevitabilmente lungo e durante il quale, a quanto pare, resterà in bilico tra commissariamento e stato di emergenza.

Noi della Cooperativa Ecosimara siamo disponibili a costo zero a venire incontro a tutte le Amministrazioni pubbliche, che in vista di quest’ordinanza dovessero avere impellente bisogno di sistemi dimostrabili in grado di aumentare e migliorare le percentuali di raccolta differenziata nei propri territori.

Ordinanza Rifiuti – Regione Sicliana – 7 Giugno 2016